<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=584589315352917&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
icona-lubrificante

05/11/2019

Deformazione plastica: esempi, applicazioni e lubrificanti adatti

Deformazione-plastica--esempi,-applicazioni-e-lubrificanti-adatti

Se un tempo la piegatura dei metalli sotto forma di lamiere veniva realizzata manualmente da fabbri artigiani esperti, oggi si utilizzano tecnologie e macchinari all'avanguardia, che permettono una maggiore velocità di operazione e di conseguenza una produzione più consistente.

Ma come funziona questa piegatura? Nelle prossime righe parleremo di deformazione plastica delle lamiere.

La piegatura della lamiera viene effettuata per mezzo della deformazione della plastica, processo che permette di realizzare curve sufficientemente strette su pezzi di dimensioni variabili, mantenendo però lo stesso spessore della lamiera di partenza.

Per la piegatura ci si serve di appositi macchinari, le presse piegatrici, che necessitano di una corretta manutenzione e lubrificazione, affinché possano operare in maniera continua utilizzando sempre lo stesso raggio di piegatura e applicando correttamente la forza sulla lamiera della pressa.

 

Dove si applica la deformazione plastica

Le caratteristiche meccaniche dei materiali metallici rappresentano una risorsa importantissima per la realizzazione di elementi costruttivi in molteplici campi di applicazione, nei quali è ovviamente richiesto anche l’intervento della deformazione plastica attraverso l’utilizzo della pressa.

I settori in cui è richiesto il processo di piegatura sono infatti tantissimi e partono dall'ambito edilizio e architettonico, per arredamenti e carpenteria leggera, fino ad arrivare al settore metalmeccanico e alla grossa carpenteria navale.

La sempre maggiore richiesta e diffusione, ha però portato a una sempre maggiore diversificazione anche dei macchinari di realizzazione, con sempre più differenze e particolarità, che comportano anche una sollecitazione maggiore dei componenti, con rischi di danneggiamento e rottura sempre più alti, in caso non vengano curati e preservati nella maniera adeguata.

Per farlo è importante dotarsi di soluzioni lubrificanti apposite, che soddisfino appieno tutte le esigenze del tuo macchinario.

 

Deformazione plastica: quale soluzione lubrificante adottare?

La formatura di un metallo attraverso l’utilizzo della deformazione plastica è oramai una pratica sempre più diffusa, permettendo lo “sfruttamento” di sensibili economie di tempo, materiali e mano d’opera.

Ovviamente, il suo rendimento è fortemente influenzato dalla lubrificazione adottata, in termini di metodologia ma soprattutto di soluzione usata.

Per essere adatto alla deformazione plastica il lubrificante deve agire in maniera adeguata sul tuo macchinario, creando un film resistente tra esso e il materiale in lavorazione, al fine di aiutare lo scorrimento ed evitare grippaggi o attriti che danneggino non solo il prodotto finale, ma anche il macchinario stesso.

Per questo è necessario un prodotto specifico, con la giusta adesività e consistenza, che consenta la tenuta per tutti i passaggi e i processi di lavorazione.

A seconda del grado di deformazione, dei raggi di curvatura richiesti o dello spessore della lamiera grezza, è possibile adottare soluzioni lubrificanti differenti:

  • oli evaporabili: tipicamente impiegati per deformazioni leggere
  • grassi lubrificanti: più indicati per formature e pieghe di media complessità
  • paste lubrificanti: per alti spessori della lamiera e raggi di curvatura richiesti molto stretti

Una lubrificazione corretta in fase di deformazione plastica può portare numerosi vantaggi, quali:

  • riduzione d’attrito
  • riduzione dell’usura
  • realizzazione della finitura superficiale richiesta
  • controllo della temperatura; controllo del cambiamento di forma
  • maggiore distribuzione della sollecitazione nel prodotto.
  • incremento della durata di punzoni e utensili utilizzati per la deformazione

 

Hai problemi di stampaggio a freddo dei tuoi particolari? I materiali si snervano o perdono le loro proprietà strutturali originarie?

Richiedi una nostra consulenza finalizzata ad una prima campionatura di prodotto. Insieme possiamo studiare e trovare la soluzione lubrificante più adatta per te!

richiedi una campionatura

Marco Gandelli

Scritto da Marco Gandelli

Imprenditore. Co-fondatore di Macon Research. Esperto e appassionato di meccanica e chimica della lubrificazione. Da 15 anni dopo migliaia di analisi condotte su dispositivi elettro-meccanici, formulo per i progettisti soluzioni lubrificanti su misura per l'incremento dell'efficienza, della durata e il controllo dell'attrito. Amante dell'efficienza dei processi aziendali e del digital marketing.

New call-to-action
New call-to-action

Iscriviti al blog

Gli articoli più letti

Leggi gli ultimi articoli