<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=584589315352917&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
icona-lubrificante

30/10/2019

Come ottimizzare il funzionamento di un motoriduttore

Come-ottimizzare-il-funzionamento-di-un-motoriduttore

Ottimizzare il funzionamento di un motoriduttore significa mantenerlo in condizioni perfette, attraverso una manutenzione continua e programmata, attenti controlli sul componente e una lubrificazione adeguata, sia in termini qualitativi che quantitativi.

A seconda del contesto di funzionamento e della tipologia di design del motoriduttore si possono distinguere due tipi diversi di lubrificazione:

Lubrificante longlife

Questo è il caso in cui il motoriduttore è installato senza che sia prevista possibilità di sostituzione o manutenzione dello stesso. ll lubrificante apposito viene inserito nel riduttore dal costruttore, e non viene prevista nessuna manutenzione, rilubrificazione o manutenzione. Per questo è opportuno scegliere e testare a priori l'efficacia del lubrificante attraverso opportuni test prestazionali.

Lubrificazione Periodica

Quando vengono definiti a priori dei cicli di sostituzione e/o rabbocco di olio per ripristinare le condizioni originarie di lubrificazione

In questo articolo ci occuperemo del secondo caso

 

Protocollo di controllo del motoriduttore

Il primo consiglio utile è quello di crearti un vero e proprio protocollo delle operazioni e dei controlli necessari, da realizzare periodicamente, così da essere immediatamente in grado di intervenire in caso di bisogno per ottimizzarne il funzionamento del motoriduttore.

Come creare il protocollo? Questo è un passaggio molto soggettivo che dipende da come è organizzato il tuo lavoro e dall’ambito di riferimento, ma certamente esistono alcuni piccoli accorgimenti che puoi tenere sistematicamente giorno dopo giorno:

  • assicurarti che i livelli di vibrazioni e rumorosità non subiscano variazioni di intensità troppo significativi, sintomo di una cattiva lubrificazione o dell’avaria di un cuscinetto

  • verificare che non sussistano eccessive variazioni di temperatura rispetto alle normali condizioni operative, sintomo anche queste di un eccessivo consumo dei cuscinetti o abbassamento del livello dell’olio

  • accertarsi che non vi siano cospicue perdite di lubrificante nei pressi del motoriduttore

  • eseguire analisi periodiche sullo stato e composizione dell'olio

  • controllare la variazione di viscosità e l'eventuale incremento del contenuto di metalli (sintomo di usura meccanica in atto)

Queste tre semplici e veloci operazioni, tranquillamente realizzabili nel quotidiano, anche più volte al giorno se ne hai la possibilità, possono davvero fare una grossa differenza nel funzionamento del motoriduttore nel lungo periodo.

 

Manutenzione del motoriduttore

Ottimizzare significa anche ridurre gli interventi di aggiustamento del lavoro e di conseguenza il tempo che devi dedicare a questi interventi, che come ben sappiamo significa spesso soldi persi.

Per questo, al di là dei piccoli controlli di routine, è importantissimo avere un procedimento fisso e ben programmato di manutenzione, affinché il funzionamento del motoriduttore sia il più possibile performante e costante nel tempo.

Cambio d’olio

Fai un primo passaggio alle prime 150 ore di lavoro circo, per poi cambiarlo ogni 2.500 ore o almeno una volta l’anno, dipende ovviamente da quanto utilizzi il motoriduttore in questione.

Pulizia

Sempre in base all’utilizzo che ne fai, pulisci periodicamente le superfici esterne del riduttore, eliminando la polvere o eventuali depositi di olio, utilizzando prodotti adeguati e compatibili con il funzionamento del tuo motoriduttore.

Lubrificante motoriduttore

Se invece il tuo motoriduttore non lo utilizzi così spesso, affinché si mantenga nel tempo, ti consigliamo di proteggerlo dalla ruggine e dalla corrosione attraverso un lubrificante protettivo antiossidante adatto e specifico, avviandolo almeno una volta al mese.

 

L’importanza della lubrificazione nel funzionamento del motoriduttore

L’ottimizzazione del funzionamento del motoriduttore, e di conseguenza anche quella del lavoro aziendale, sono sempre più legate alla corretta lubrificazione dei macchinari di produzione e dei loro componenti.

Un macchinario in generale non viene danneggiato solamente dalla mancanza di olio (che può provocare ingenti danni ai primi strati protettivi dei metalli), ma anche da un suo eccessivo utilizzo, che al contrario causa una situazione di sovrapressione, che porta alla fuoriuscita di olio, cosa molto grave in ambienti di lavoro sterili come ad esempio quello alimentare o farmaceutico.

Per questo è importante adottare le giuste precauzioni e le giuste regole di controllo, ma anche dotarsi di prodotti specifici e di prima qualità, creati appositamente sulle esigenze di funzionamento del motoriduttore, che non è detto siano sempre le stesse.

 

Per capire quale lubrificante più si addice al funzionamento del tuo motoriduttore, clicca qui sotto e richiedi una campionatura di prova!

richiedi una campionatura

Marco Gandelli

Scritto da Marco Gandelli

Imprenditore. Co-fondatore di Macon Research. Esperto e appassionato di meccanica e chimica della lubrificazione. Da 15 anni dopo migliaia di analisi condotte su dispositivi elettro-meccanici, formulo per i progettisti soluzioni lubrificanti su misura per l'incremento dell'efficienza, della durata e il controllo dell'attrito. Amante dell'efficienza dei processi aziendali e del digital marketing.

New call-to-action
New call-to-action

Iscriviti al blog

Gli articoli più letti

Leggi gli ultimi articoli