<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=584589315352917&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
icona-lubrificante

29/01/2019

Come e quando usare un lubrificante sintetico

Come-e-quando-usare-un-lubrificante-sintetico

Tutti i sistemi meccanici necessitano di una lubrificazione costante affinché mantengano performance elevate nel tempo. La corretta lubrificazione può essere assicurata da prodotti di diverso tipo, che variano a seconda del meccanismo e della sua funzionalità.

Ciascun settore industriale ha esigenze diverse, come anche ciascun prodotto, a seconda della sua funzionalità e delle sue caratteristiche, per questo è importante utilizzare lubrificanti specifici per le proprie necessità. Oggi ti parlo di come e quando usare un lubrificante sintetico.

I lubrificanti si dividono principalmente in due categorie:

  • Lubrificanti minerali, ottenuti nella colonna di distillazione della lavorazione del greggio;
  • Lubrificanti sintetici, derivati da trattamenti realizzati in laboratorio.

Questi ultimi, rispetto a quelli minerali, garantiscono una volatilità inferiore a pari viscosità, che significa un minor consumo in esercizio, con un indice di viscosità superiore che ne permette un impiego in un intervallo di temperature più ampio.

Ma non solo, una delle caratteristiche fondamentali dei lubrificanti sintetici è la loro maggiore stabilità chimica alle alte temperature, che si traduce in una vita utile più lunga.

 

Lubrificante sintetico per alte temperature

Perché è preferibile utilizzare un lubrificante che possa resistere a periodi prolungati di funzionamento ad alte temperature?

Proviamo a rispondere a questa domanda con alcune valide ragioni:

  • Non è sempre certa la temperatura superiore d’impiego in esercizio del dispositivo meccanico, purtroppo non è sempre possibile costruire in fase di progettazione una perfetta “storia termica” del componente meccanico, le condizioni eccezionali sono spesso imprevedibili.
  • Gli additivi specifici per alte temperature possono ritardare notevolmente l’innesco dell’ossidazione secondaria, e mantenere attivo il film lubrificante molto più a lungo.

  • La separazione delle superfici in attrito è ottimale se il film è idrodinamico e non secco, e gli additivi contribuiscono a migliorarne la lubrificazione.

  • Per limitare l’usura meccanica da attrito, grazie alla sua viscosità più stabile al variare della temperatura.

  • I lubrificanti minerali evaporano con maggiore facilità.

  • Viene meno la necessità di ri-lubrificare le superfici in attrito, basti pensare al motoriduttore di un alzacristallo in un’autovettura o a un cilindro pneumatico di una pressa, pensati per funzionare tutta la vita senza essere lubrificati una seconda volta.

  • È più performante alle basse temperature, in virtù del suo superiore indice di viscosità che gli permette di garantire un basso coefficiente d’attrito dinamico anche a basse temperature.

  • Il rapporto costi/benefici è spesso favorevole perché, se è vero che al momento dell’acquisto un lubrificante sintetico costa di più di uno minerale, è anche importante tenere in considerazione il conto economico complessivo che si ottiene attraverso l'analisi accurata di tutti i benefici derivanti da una formulazione migliorata e personalizzata per impieghi a temperature elevate.

 

Come scegliere il lubrificante sintetico adatto

Trovare a livello industriale la soluzione che risponda perfettamente alle tue esigenze, non tralasciando alcuna delle tue necessità, è sinceramente molto difficile a priori: bisogna conoscere il processo di lavorazione per trovare la formulazione lubrificante più adatta.

Per questo è importante affidarsi a un fornitore in grado di creare il tuo lubrificante sintetico “in modo sartoriale”, dallo studio di progettazione alla realizzazione. Un prodotto preconfezionato risponde a molte generiche attività (standard), ma non è detto che sia adeguato a tutto il ciclo di lavorazione che avviene nella tua azienda.

La corretta selezione del lubrificante da inserire nei dispositivi industriali viene spesso sottovalutata o non accuratamente approfondita in fase progettuale, ma come abbiamo visto può contribuire in maniera importante ad innalzare le prestazioni dei tuoi dispositivi, o creare danni ingenti alla tua azienda.

 

Per sapere come e quando usare un lubrificante sintetico e soprattutto quale scegliere, scarica gratuitamente la nostra guida!

Guida lubrificanti speciali

Marco Gandelli

Scritto da Marco Gandelli

Imprenditore. Co-fondatore di Macon Research. Esperto e appassionato di meccanica e chimica della lubrificazione. Da 15 anni dopo migliaia di analisi condotte su dispositivi elettro-meccanici, formulo per i progettisti soluzioni lubrificanti su misura per l'incremento dell'efficienza, della durata e il controllo dell'attrito. Amante dell'efficienza dei processi aziendali e del digital marketing.

New call-to-action
New call-to-action

Iscriviti al blog

Gli articoli più letti

Leggi gli ultimi articoli