<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=584589315352917&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
icona-lubrificante

26/11/2019

Attrito statico e dinamico: effetti sui componenti meccanici

Attrito-statico-e-dinamico--effetti-sui-componenti-meccanici

L’alternanza tra attrito statico e dinamico e la loro continua azione sui componenti meccanici porta inevitabilmente all'usura degli stessi, o addirittura al malfunzionamento e alla rottura se eccessivamente trascurata.

L’uso dei lubrificanti diventa quindi essenziale per preservare il più possibile l’integrità materiali usati nel tuo progetto o che compongono il tuo macchinario.

 

L’attrito è definito come una forza di contatto passiva, che si genera con il contatto tra due superfici e si oppone al movimento di un corpo.

Le forze di attrito sono diverse e di differenti tipologie, ma principalmente se ne distinguono tre tipi:

  • Radente: quando due corpi strisciano l’uno sull'altro
  • Volvente: quando un corpo rotola sulla superficie di un altro
  • Viscoso: quando un corpo si muove in un fluido

Tra questi l’attrito radente si suddivide a sua volta in due forme:

  • Attrito Statico, è quello che caratterizza due corpi inizialmente in stato di quiete (fermi) nel momento in cui si prova ad esercitare una forza in direzione parallela alla superficie per generare movimento (Primo principio della dinamica: un corpo in quiete non può iniziare a muoversi a meno che non agisca su di esso una forza)

  • Attrito Dinamico, la resistenza che si manifesta quando un corpo è già in movimento su una superficie (inferiore all'attrito statico proprio perché il corpo è già in movimento e quindi richiede meno forza).

Solitamente attrito statico e dinamico sono presenti contemporaneamente, in quanto una volta che cessa il primo e quindi il componente inizia a muoversi, in quel preciso momento subentra il secondo. Questo comporta una sollecitazione continua da parte del tuo componente meccanico, che necessita di una buona manutenzione e soprattutto lubrificazione.

 

Attrito statico e dinamico: come lubrificare

Con una soluzione lubrificante apposita e specifica per i tuoi componenti meccanici puoi evitare questi spiacevoli inconvenienti, che a seconda della gravità possono anche bloccare l’intera produzione.

L’importanza del lubrificante cresce proporzionalmente alla dimensione della superficie di contatto e all'aumento delle temperature. Infatti, la cosiddetta “condizione di attrito limite”, ovvero quando + del 50% della superficie dei componenti meccanici sono privi della copertura del film lubrificante, si raggiunge attraverso il prorogarsi nel tempo di condizioni di esercizio estremamente gravose per i componenti meccanici:

  • carichi di lavoro molto elevati
  • temperature troppo alte
  • temperature troppo basse
  • presenza di fluidi molto aggressivi

Quando parliamo di attrito statico e dinamico insieme, ricorda sempre che quello statico è circa 3 volte quello dinamico come forza e intensità, per cui è fondamentale che il tuo lubrificante sia prima di tutto in grado di ridurlo.

 

Attrito statico e dinamico: i 5 requisiti

In materia di lubrificazione anti usura derivante da azioni di attrito statico e dinamico, è necessario fornirsi di un lubrificante a elevata capacità di carico e basso coefficiente di attrito.

Affinché sia utile al funzionamento dei tuoi componenti meccanici sono 5 i requisiti fondamentali che deve avere:

1 – composizione chimica adeguata dell’olio di base

2 – presenza di lubrificanti solidi nella sua formulazione

3 – presenza di additivi antiusura (AW) ed estrema pressione (EP)

4 – livello di viscosità molto alto dell’olio base

5 – elevata capacità termo-ossidativa.

 

Per scoprire come ridurre l’attrito statico e dinamico nei tuoi componenti meccanici e creare la tua soluzione lubrificante personalizzata, clicca qui sotto e scarica gratuitamente la nostra guida sui lubrificanti anti-attrito.

New Call-to-action

Marco Gandelli

Scritto da Marco Gandelli

Imprenditore. Co-fondatore di Macon Research. Esperto e appassionato di meccanica e chimica della lubrificazione. Da 15 anni dopo migliaia di analisi condotte su dispositivi elettro-meccanici, formulo per i progettisti soluzioni lubrificanti su misura per l'incremento dell'efficienza, della durata e il controllo dell'attrito. Amante dell'efficienza dei processi aziendali e del digital marketing.

New call-to-action
New call-to-action

Iscriviti al blog

Gli articoli più letti

Leggi gli ultimi articoli